Eurotech: Il CDA approva il Resoconto Intermedio di Gestione Consolidato al 31 Marzo 2014. Roberto Siagri è confermato AD del Gruppo

In conseguenza della vendita della controllata americana Parvus Corp., avvenuta in data 1 ottobre 2013, le risultanze economiche al 31.03.2013 sono state classificate in coerenza con quanto previsto dall’IFRS5, nella voce “Utile (Perdita) netta delle attività operative cessate e destinate alla vendita”.
A seguito di questa operazione per “attività in funzionamento” si intenderanno tutte le attività incluse nel nuovo perimetro di consolidamento del Gruppo Eurotech in essere dal 1 ottobre 2013.


Amaro (UD), 14 maggio 2014
- Ricavi consolidati: da 11,33 milioni di Euro a 14,21 milioni di Euro
- Primo margine consolidato: da 6,00 milioni di Euro a 7,37 milioni di Euro
- EBITDA consolidato: da -1,64 milioni di Euro a -749 migliaia di Euro
- EBIT consolidato: da -3,19 milioni di Euro a -2,03 milioni di Euro
- Risultato consolidato prima delle imposte: da -2,30 milioni di Euro a -2,06 milioni di Euro
- Risultato netto di Gruppo: da -1,73 milioni di Euro a -2,40 milioni di Euro
- Cassa netta: 8,83 milioni di Euro
- Patrimonio netto di Gruppo: 106,01 milioni di Euro


Il Consiglio di Amministrazione di Eurotech S.p.A. ha esaminato e approvato in data odierna i risultati relativi al primo trimestre 2014.
Il trimestre appena concluso è caratterizzato da due elementi principali: un incremento del fatturato rispetto allo scorso anno e una serie di investimenti nelle diverse aree aziendali, che hanno incrementato in valore assoluto i costi operativi. Grazie al maggior fatturato, il livello di incidenza su di esso dei costi operativi resta ancora al di sotto di quanto registrato negli anni precedenti. Insieme allo sviluppo del business, il controllo dei costi rimane infatti uno degli obiettivi principali al fine di poter ottenere, quanto prima, il pareggio di bilancio.
Gli investimenti che si stanno facendo sulla struttura e sul personale hanno l’obiettivo di potenziare la capacità del Gruppo di proporre sul mercato la nuova offerta di piattaforme M2M, soluzioni per la sicurezza e sorveglianza e green HPC. Questi investimenti mirano a produrre risultati visibili a livello di raccolta ordini nel corso dei prossimi trimestri.
Nei primi tre mesi dell’anno i ricavi del Gruppo sono stati pari a Euro 14,21 milioni, rispetto Euro 11,33 milioni nei primi tre mesi del 2013. Il fatturato è stato influenzato dall’incremento dei ricavi da parte della clientela americana e soprattutto di quella giapponese, che lo scorso anno non aveva sviluppato i volumi attesi causando un primo trimestre debole. Storicamente l’andamento del primo trimestre non è molto significativo in quanto è il più debole dell’anno, tuttavia la crescita percentuale in doppia cifra è vista dal management come un buon inizio.
Analizzando la situazione nelle singole aree geografiche, si osserva un incremento del 6,0% in Nord America, per effetto delle prospettive che si stanno realizzando in quell’area, nella quale gli ordini presenti dovrebbero generare maggior fatturato in particolare nel secondo semestre dell’anno. Soprattutto in quest’area la politica di sviluppo del fatturato verso clienti importanti con dimensioni più elevate e con ordini significativi è fondamentale per la crescita del fatturato nel medio-lungo termine, anche se nel breve termine ha comportato una minor omogeneità nella distribuzione del fatturato nel corso dei trimestri.
L’area d’affari Europa nel trimestre 2014 evidenzia una crescita del 15,8% rispetto allo stesso periodo del 2013, raggiungendo gli Euro 4,74 milioni rispetto ad Euro 4,09 milioni dei primi tre mesi del 2013. Questo incremento è determinato principalmente dalla conversione in fatturato degli ordini raccolti lo scorso anno nell’area inglese.
L’area d’affari Asia e in particolare il mercato Giapponese ha mostrato un significativo incremento del 49,3%. Tale incremento sarebbe anche maggiore se confrontato a cambi costanti (il 1 trimestre 2014 registra un deprezzamento del cambio Yen / Euro del 15,6% rispetto allo stesso periodo del 2013) e riporta il livello del fatturato dell’area ai migliori livelli storici, dopo che lo scorso anno nel primo trimestre una momentanea riduzione di fatturato verso un importante cliente locale aveva comportato uno slittamento di fatturato ai trimestri successivi.
Un indicatore certamente positivo per il trimestre è il primo margine, che si è mantenuto ai livelli target definiti dal management anche in assenza del contributo di Parvus, che storicamente contribuiva significativamente alla marginalità del gruppo. Quest’elemento permette di guardare in maniera positiva all’evoluzione del 2014.
Il primo margine del primo trimestre 2014 è stato pari a Euro 7,37 milioni, con una incidenza sul fatturato del 51,9% (rispetto ad un’incidenza del 52,9% nel primo trimestre 2013 e del 49,6% a fine anno 2013).
Come già altre volte abbiamo avuto modo di commentare, anche in questo trimestre le periodiche variazioni del primo margine sono dovute al diverso mix di prodotti venduti e alla diversa contribuzione al fatturato da parte delle aree geografiche in cui Eurotech opera. In genere tali variazioni risultano meno evidenti considerando un orizzonte annuale, sul quale ormai stabilmente si conferma il mantenimento della marginalità al 50%, livello che il management continua a identificare come livello di riferimento.
L’analisi dei costi operativi evidenzia l’attivazione della prima parte degli investimenti che il Gruppo ha in programma per l’anno in corso. Al lordo delle rettifiche operate, nei tre mesi di riferimento i costi operativi sono incrementati di Euro 219 migliaia, passando da Euro 8,21 milioni del primo trimestre 2013 a Euro 8,43 milioni del primo trimestre 2014.
Gli investimenti che sono previsti riguardano il rafforzamento della struttura marketing e vendite, oltre che il continuo supporto alle attività di ricerca e sviluppo delle aree strategiche.
Il risultato prima degli ammortamenti e oneri finanziari e imposte (EBITDA), nei primi tre mesi, ammonta a Euro -749 migliaia rispetto ad Euro -1.643 migliaia del 2013.
Il risultato operativo (EBIT) nel primo trimestre 2014 è stato pari a Euro -2,03 milioni: la riduzione della perdita di Euro 1,16 milioni rispetto al trimestre 2013 riflette il maggior fatturato generato, che ha più che compensato il leggero aumento dei costi operativi. Tale andamento è correlato all’andamento dell’EBITDA ed in ogni caso risente anche degli ammortamenti imputati a conto economico nel primo trimestre 2014, derivanti sia dalle immobilizzazioni operative entrate in ammortamento a tutto il 31 marzo 2014, sia dagli effetti derivanti dalla “price allocation” relative alle acquisizioni Dynatem Inc. e di Advanet Inc.. L’effetto sul risultato operativo (EBIT) dei maggiori valori evidenziati in sede di “price allocation” nei tre mesi del 2014 è stato di Euro 0,59 milioni, contro Euro 0,83 milioni per i tre mesi 2013.
Il Risultato prima delle imposte nel corso dei tre mesi di riferimento è negativo per Euro 2,06 milioni (era negativo per Euro 2,30 milioni nei primi tre mesi 2013) ed è stato influenzato, oltre che dalle considerazioni sopra esposte in merito all’EBIT, da una gestione finanziaria più negativa per effetto dei differenziali sui cambi. Gli effetti sul risultato prima delle imposte derivanti dalla “price allocation” hanno inciso per Euro 0,59 milioni nei primi tre mesi 2014 (Euro 0,83 milioni nei primi tre mesi 2013).
Il risultato netto di Gruppo è stato pari a Euro -2,40 milioni per il trimestre (Euro -1,73 milioni nei primi 3 mesi del 2013) e riflette la dinamica del risultato prima delle imposte appena descritta.
Il Gruppo, al 31 marzo 2014, evidenzia una cassa netta di Euro 8,83 milioni.



Nomina dell’Amministratore Delegato e del Vice-Presidente e deliberazioni in materia di corporate governance
Il Consiglio di Amministrazione inoltre in data odierna ha nominato il Presidente Roberto Siagri Amministratore Delegato e Giampietro Tecchiolli Vice Presidente, conferendo loro le deleghe.
Il Consiglio ha inoltre adottato deliberazioni in materia di corporate governance.
In particolare, il Consiglio, preso atto delle dichiarazioni dei Consiglieri Giulio Antonello, Paola Bonomo, Riccardo Costacurta e Chiara Mio e tenuto conto delle informazioni a propria disposizione, ha accertato il possesso dei requisiti di indipendenza – ai sensi dell'art. 148, comma 3, del D.Lgs. 58/1998, come richiamato dall'art. 147-ter, comma 4, del D.Lgs. 58/1998 e dell'art. 3 del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana S.p.A. – in capo agli stessi Consiglieri Giulio Antonello, Paola Bonomo, Riccardo Costacurta e Chiara Mio.
Il Consiglio, inoltre, preso atto delle dichiarazioni dei Sindaci effettivi Claudio Siciliotti, Michela Cignolini e Giuseppe Pingaro e tenuto conto delle informazioni a propria disposizione, ha accertato, per quanto occorrer possa, il possesso in capo ai medesimi dei requisiti di indipendenza di cui all'art. 148, comma 3, del D.Lgs. 58/1998 e all'art. 3 del Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A. Al riguardo, si precisa che il Consiglio di Amministrazione, con riferimento al Presidente del Collegio Sindacale Claudio Siciliotti, ha valutato come opportuna la disapplicazione del criterio 3.C.1 punto e) del Codice di Autodisciplina - ossia il criterio che prevede che non possa essere considerato indipendente il soggetto che abbia rivestito la carica nella Società per più di nove anni negli ultimi dodici - ritenendo nell'interesse della Società continuare ad avvalersi delle elevate professionalità di detto soggetto e privilegiando, pertanto, un profilo di sostanza nella valutazione della composizione dell'organo di controllo medesimo, ferme restando in ogni caso le verifiche di competenza del Collegio Sindacale riguardo alla propria composizione.
In seno al Consiglio di Amministrazione sono quindi stati istituiti il Comitato per il controllo e rischi, nelle persone di Chiara Mio (con funzioni di Presidente), Paola Bonomo e Riccardo Costacurta, il Comitato per la remunerazione nelle persone di Chiara Mio (con funzioni di Presidente), Paola Bonomo e Riccardo Costacurta ed il Comitato per le nomine nelle persone di Roberto Siagri, Paola Bonomo e Chiara Mio.
"Lead indipendent director" è stato nominato il Consigliere indipendente Chiara Mio.
Il Consiglio ha infine nominato il Comitato per le Operazioni con Parti Correlate nelle persone di Riccardo Costacurta (con funzioni di Presidente), Chiara Mio e Giulio Antonello.
Il dott. Sandro Barazza è stato confermato alla carica di Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili e societari.






Si rende noto che, in ottemperanza a quanto disposto dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, il Resoconto Intermedio di Gestione Consolidato al 31 marzo 2014 è a disposizione di chiunque ne faccia richiesta presso la sede sociale. Il Resoconto è inoltre disponibile presso il sito internet di Eurotech all’indirizzo www.eurotech.com

Il Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari di Eurotech S.p.A., dott. Sandro Barazza dichiara, ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentabili, ai libri e alle scritture contabili della società.


download:
20140514_cs_it.pdf : .pdf (111 Kb) Eurotech: Il CDA approva il Resoconto Intermedio di Gestione Consolidato al 31 Marzo 2014. Roberto Siagri è confermato AD del Gruppo


Share: Share on LinkedIN