Eurotech e Mondialpol siglano un accordo per la prima applicazione di tracking in cloud computing del trasporto valori per Intesa Sanpaolo

Mondialpol Service S.p.A., gestore a livello nazionale in Italia del trasporto e contazione del denaro per Intesa Sanpaolo, effettuerà il controllo in tempo reale delle attività tramite apparati “Cloud Ready” di Eurotech con gestione dati in cloud computing.


Amaro (UD) – Milano (MI) – 6 giugno 2011 – Eurotech e Mondialpol Service hanno annunciato in data odierna la finalizzazione di un accordo per la gestione del controllo in tempo reale delle consegne e ritiri di valori in modalità cloud computing grazie ad apparati mobili Eurotech “Cloud Ready”. L’accordo consentirà di migliorare significativamente il servizio riconosciuto al Gruppo Intensa Sanpaolo, efficientando le fasi di trasporto e contazione del denaro ed elevando gli standard di sicurezza, a dimostrazione della forte vocazione all’innovazione del Gruppo bancario.
Si tratta della prima applicazione in Italia nell’ambito della sicurezza che utilizza tale tecnologia e la collaborazione di Eurotech con il gruppo Mondialpol mira a trasformare il settore del trasporto valori fino ad oggi gestito in maniera tradizionale. Un altro elemento di innovazione è la modalità di fornitura “Device-as-a-Service” (DaaS), che permetterà a Mondialpol di acquistare la soluzione Eurotech corrispondendo un canone mensile per un periodo di tre anni per ciascuno dei dispositivi che via via verranno messi in servizio nel corso del 2011.
La soluzione consiste nel dotare gli equipaggi dei furgoni blindati di tutte le 130 società di trasporto valori coinvolte nell’appalto di un apparato portatile Eurotech HRC4200, che permette di leggere al momento della consegna dei plichi di denaro il barcode degli stessi, identificando l’orario, il tipo di operazione (ritiro/consegna), la filiale su cui sta avvenendo l’operazione, la posizione GPS visualizzabile su una mappa, la guardia giurata e il referente bancario con cui si è effettuato lo scambio, con la possibilità per quest’ultimo di apporre la firma in digitale direttamente sull’apparato Eurotech.
Grazie alla tecnologia “Device-to-Cloud” di Eurotech, i dati a valore aggiunto generati in modo distribuito da tutti i dispositivi portatili vengono raccolti e convogliati in tempo reale e in modo sicuro verso l’infrastruttura del Cloud. Nel Cloud vi è un accesso ai dati controllato, in modo che ognuno possa vedere o gestire i dati di propria competenza, e dal Cloud i dati d’interesse vengono poi scaricati nel sistema gestionale di Mondialpol Service, al fine di integrare le informazioni prodotte con il resto del processo.
“Abbiamo scelto la tecnologia Device-to-Cloud di Eurotech proprio per la sua capacità di gestione dei dati direttamente in cloud computing, visto che ci aspettiamo dai 12 ai 15 mila plichi scambiati al giorno con Intesa Sanpaolo. Abbiamo registrato che l’anno scorso abbiamo effettuato circa 900 mila trasporti, e quando abbiamo visto questi numeri ci siamo preoccupati subito di come gestire tale quantità di dati senza che il nostro sistema ne risentisse”, ha spiegato Fabio Mura, Chief Executive Officer e Presidente Esecutivo di Mondialpol Service S.p.A.. “Ora che vogliamo certificare elettronicamente le consegne per avere in tempo reale il livello di servizio sotto controllo, e che puntiamo a gestire in modo più automatico la fatturazione dei servizi, contiamo su Eurotech per disporre delle capacità di trasmissione, di raccolta e di gestione dei dati che sono elementi chiave per abilitare l’insieme di funzioni avanzate che ci sono necessarie”.
“Questo accordo dimostra la capacità di Eurotech di anticipare i bisogni del mercato con una tecnologia sempre allo stato dell’arte e fa capire quanto la sua applicabilità sia possibile nei più svariati settori. La nostra soluzione di Device Data Management via Cloud ci permette di sollevare le aziende dal dover gestire e proteggere con una infrastruttura IT proprietaria una quantità crescente di dati eterogenei che arrivano da dispositivi geograficamente distribuiti, e la modalità di fornitura Device-as-a-Service solleva i clienti dall’onere di un investimento iniziale, che spesso frena le aziende nell’adozione delle nuove tecnologie.” ha aggiunto Roberto Siagri, CEO e Presidente di Eurotech.

Nota: pur essendo il contratto di importo annuale inferiore al milione di Euro, l’accordo in sé è importante per la società in quanto dimostra lo stato dell’arte di una tecnologia con potenziale applicazione in diversi settori, che potrebbe portare a ottenere successivamente ulteriori ordini in volumi. In tal caso, Eurotech ribadisce il suo impegno a informare tempestivamente il mercato.



Share: Share on LinkedIN