Il CdA approva il Progetto di Bilancio d’Esercizio e Consolidato 2010

Amaro (UD), 15 marzo 2011


- Ricavi consolidati: da 83,53 milioni di Euro a 99,27 milioni di Euro, +18,8%
- Primo margine consolidato: da 42,97 milioni di Euro a 50,41 milioni di Euro
- EBITDA consolidato: da 1,29 milioni di Euro a 7,39 milioni di Euro
- EBIT consolidato: da -6,63 milioni di Euro a -0,74 milioni di Euro
- Risultato consolidato prima delle imposte: da -8,99 milioni di Euro a -3,81 milioni di Euro
- Risultato netto di Gruppo: da -9,60 milioni di Euro a -6,08 milioni di Euro
- Indebitamento finanziario netto: 8,64 milioni di Euro
- Patrimonio netto di Gruppo: 131,52 milioni di Euro
- Eurotech S.p.A.: risultato netto da -9,22 milioni di Euro a -0,52 milioni di Euro


Il Consiglio di Amministrazione di Eurotech S.p.A. ha esaminato e approvato in data odierna il Progetto di Bilancio d’Esercizio e quello Consolidato al 31 dicembre 2010, che saranno sottoposti all’Assemblea ordinaria degli azionisti.

I ricavi consolidati del Gruppo hanno registrato un incremento del 18,8% pari a Euro 15,74 milioni e sono saliti a Euro 99,27 milioni, rispetto a Euro 83,53 milioni del 2009.
L’incremento, già delineatosi nel corso dell’esercizio, conferma la ripresa del fatturato dopo un 2009 in cui si era assistito per la prima volta nella storia del Gruppo Eurotech ad una riduzione del volume d’affari, per effetto della congiuntura economica globale. Nonostante non si possa con certezza ritenere che la congiuntura economica avversa abbia esaurito tutti gli effetti nel 2010, il Gruppo ha avvertito segnali di ripresa in tutte le diverse aree geografiche in cui opera.

Il primo margine ammonta a Euro 50,41 milioni e nel corso dei vari trimestri dell’esercizio 2010 è rimasto in linea con le aspettative previste dal management, attestandosi a fine esercizio al 50,8% delle vendite, dato leggermente inferiore al 51,4% del 2009 ma comunque ben al di sopra del 50% che è il livello target del modello di business di Eurotech. Alcune piccole fluttuazioni del primo margine sono naturali e sono funzione del mix di prodotti venduti, che presentano marginalità diverse a seconda della tipologia, dei settori applicativi e dei mercati di sbocco. Inoltre il primo margine risente ancora del perdurare della scarsità di componenti elettronici (chip) che caratterizza il mercato mondiale dell’elettronica.



download:
20110315_CS_IT.pdf : pdf (401 Kb) Il CdA approva il Progetto di Bilancio d’Esercizio e Consolidato 2010