Eurotech sigla accordo con RSC, PSI e Intel per lo sviluppo del mercato russo ed europeo dei supercomputer

Amaro (UD), 4 marzo 2009
Eurotech S.p.A. (ETH.MI) ha annunciato oggi di aver siglato un accordo di collaborazione scientifica, industriale e commerciale per lo sfruttamento del crescente mercato dei supercomputer nella Federazione Russa, nella CSI e in Europa. L’accordo intende promuovere lo sviluppo delle tecnologie HPC, e mira alla produzione e all’installazione di supercomputer potenti, affidabili ed efficienti.
L’accordo di collaborazione è stato presentato ieri durante una conferenza stampa presso la sede del Program System Institute a Pereslavl-Zalessky, cittadina a nord-est di Mosca.
I partners di questa collaborazione sono:
RSC SKIF, società russa che svolgerà attività di progettazione, sviluppo, realizzazione e commercializzazione nella Federazione Russa e nella CSI.
Program Systems Institute (PSI), il più importante Istituto di Ricerca sull’High Performance Computing dell’Accademia delle Scienze Russa (RAS), che fornirà supporto tecnico e scientifico per lo sviluppo di soluzioni di supercalcolo
Eurotech, che renderà disponibile la sua nuovissima architettura di supercalcolo (Aurora) e sarà responsabile della progettazione e della produzione delle macchine.
Intel, che supporterà i partner fornendo loro i processori e assistendoli nelle attività di sviluppo e di marketing.

“L’High Performance Computing (HPC) è un know-how strategico per la Russia, sul quale gli investimenti sono cresciuti più di 20 volte negli ultimi dieci anni e continueranno a crescere in modo accelerato. Stimiamo in 400 M$ il mercato HPC russo dei prossimi anni per le macchine della serie Aurora”, ha spiegato Sergei Abramov, Direttore del PSI RAS. “I supercomputer sono strumenti per ottenere una superiorità sia tecnologica che economica. Siamo molto contenti di avere una collaborazione con Eurotech per far crescere l’architettura di supercalcolo Aurora e siamo ansiosi di sfruttarla per le nostre applicazioni all’avanguardia nel campo delle scienze e dell’ingegneria.”

“Aurora rappresenta una nuova classe di macchine di supercalcolo, un punto di riferimento in termini di rapporto prezzo/prestazioni, densità di processori e basso consumo di potenza”, ha detto Giampietro Tecchiolli, Vice Presidente e CTO di Eurotech. “Grazie ai contributi di PSI e RSC e al supporto di Intel ci aspettiamo che i supercomputer della serie Aurora ottengano un ruolo primario nel mercato HPC.”

“I supercomputer Aurora sfrutteranno appieno il potenziale della prossima generazione di processori Intel, come la serie Intel Xeon 5500 (Nehalem)”, ha spiegato Andrey Semin, HPC Technology Manager di Intel Europa. “Siamo davvero lieti di supportare la collaborazione tra Eurotech, RSC e PSI.”